ATTENZIONE: Questo sito impiega diversi tipi di cookies. Alla pagina MAGGIORI INFORMAZIONI è possibile avere informazioni aggiuntive. Cliccando su ACCETTO o continuando a navigare sul sito acconsenti al loro utilizzo.
<gennaio 2022>
lunmarmergiovensabdom
272829303112
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456

Cronache - 21-01-2014 - Roma Juventus 1-0 - Una vittoria dal gusto speciale


Pubblicato il 04/01/2021
Letto 894 volte





Ottavi di finale di Coppa Italia 2013-2014, si gioca all'Olimpico in partita secca (che strana questa formula, non la capirò mai, anzi si, dipende dal calendario troppo pieno, ma non mi piace per niente)

Prima nota: la maglia di quell'anno era bellissima.

Seconda nota: abbiamo interrotto la serie positiva di Conte. L'articolo potrebbe chiudersi qui ed essere goduriosissimo!

Terza nota: ma quanto è bello Gervinho senza la fascia?

Ora cha abbiamo puntualizzato le cose importanti, passiamo alla partita. Era una fredda sera invernale del 2014 e la Roma aveva perso da poco per 3-0 a Torino, proprio contro la Juventus (penultima di andata, 05.01.2014) con i rivali che avevano allungato ad 8 punti il distacco nei contronti dei giallorossi, ma si era rifatta la settimana successiva contro il Genoa con un bel 4-0. Ma la Juve era una vera schiacciasassi: 19 partite, 17 vittorie, 1 pareggio, 1 sconfitta (il famoso 4-2 in rimonta contro la Fiorentina, con tripletta di Pepito Rossi). 

Lo stadio strapieno, con parecchi juventini nel settore distinti nord (e tanti altri in incognito nelle varie tribune).

La Juventus gioca alla Conte, laterali larghissimi e lanci lunghi dalla difesa, ispirati sempre da Bonucci, che sarà antipatico, ma ha i piedi buoni. La Roma ribatte con la formazione migliore, senza risparmiare nulla, perchè la Coppia Italia è un trofeo che (mannaggia la miseria) i capitolini hanno vinto 9 volte!

La partita resta inchiodata sullo 0-0 fino a dodici minuti dalla fine: Pjanic ruba palla sulla trequarti, serve in corsa Strootman che dalla linea di fondo crossa teso al centro. Gervinho, con una specie di colpo di karate infila Storari che stavolta non può nulla.

Boato come nelle partite più importanti, boato a dimostrare quanto i tifosi tengano a questa partita, e a dimostrare che quando ci tiene anche la squadra, il risultato arriva. 





 

Notifiche